TRAWA

 

Il progetto TRAWA mirava a contribuire allo sviluppo di standard per l’auto-separazione a sostegno del gruppo di lavoro EUROCAE 73. Il Manuale ICAO (Doc 10019) sui sistemi di aeromobili a pilotaggio remoto identifica cinque pericoli che un sistema “Detect and Avoid” (D & A) potrebbe mitigare. Tra questi, il “traffico in conflitto” è il più importante.

Per mitigare il rischio di Collisione a medio raggio (MAC) con tale traffico, le mitigazioni potrebbero essere implementate nella fase “strategica” (ad esempio prima del decollo per evitare la congestione dello spazio aereo), nella fase “tattica” o, come ultima ricorso, per “collision avoidance” (CA). La fase “strategica” è coperta da EuroUSC Italia nel progetto DREAMS. La fase CA, almeno con il traffico cooperativo, è stata studiata per diversi decenni anche per l’aviazione con equipaggio (cioè ACAS o simili). Nella fase ”tattica” una distanza di sicurezza tra l’Unmanned Aircraft (UA) e il traffico in conflitto può essere assicurata dal controllo del traffico aereo (ATC) o attraverso la funzione ”Remain Well Clear” (RWC) di Detect & Avoid implementata nel SAPR. La RWC è assolutamente necessaria per lo spazio aereo non controllato (ad esempio la Classe G), ma potrebbe essere molto utile in relazione al traffico VFR anche nelle classi D ed E.

TRAWA ha concluso che:

  • Nella fase RWC, contrariamente alla fase CA, dovrebbero essere applicate le regole dell’aria;
  • È meglio informare il pilota a distanza su voci che comporterebbero un aumento del rischio di MAC, senza suggerirgli una manovra raccomandata (ad esempio, girare a destra o girare a sinistra); e
  • La codifica dei colori dovrebbe essere simile a quella utilizzata oggi negli aerei con equipaggio (ad esempio verde, bianco, ambra, rosso).

EuroUSC Italia ha contribuito nel progetto TRAWA a sviluppare i requisiti di sicurezza per l’interfaccia uomo-macchina (HMI) della funzione RWC, che in effetti richiede alcuni sensori a bordo del SAPR, ma anche alcuni display per il pilota remoto a terra. Inoltre, EuroUSC Italia ha rivisto le Specifiche operative minime di prestazione (MOPS) elaborate da TRAWA, per convalidare la loro conformità alle disposizioni emergenti in materia di D&A da ICAO (ad esempio, nuova parte IV dell’allegato 6), da JARUS e con materiale normativo EASA.

EuroUSC rimane disponibile per team per progetti futuri e si assume la responsabilità del concetto di operazioni, valutazione della sicurezza e conformità normativa.